Questo sito utilizza un cookie tecnico per consentire la corretta navigazione. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "Ok" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più e leggere come disabilitarne l'uso, consulta l'Informativa sull'uso dei cookie.

BannerPagine noHome Foto

Laboratorio di critica teatrale. Teatri in carcere

LABORATORIO DI CRITICA TEATRALE
L’esperienza critica: i sensi e i linguaggi del teatro
Teatri in carcere.
Scrivere una recensione
docente referente: prof.ssa Valentina Venturini

 

Brochure

Progetto



Questa attività nasce in relazione alla IV rassegna di teatro in carcere “Destini incrociati” che si svolgerà a Roma dal 15 al 18 novembre presso il Teatro Palladium: un’occasione preziosa per conoscere direttamente alcuni spettacoli guidati da artisti di valore e di affrontare anche teoricamente alcune questioni connesse al teatro sociale (diversi gli approfondimenti teorici).

E’ solo andando a teatro che è possibile conoscerlo, per il presente - un’immersione nelle estetiche della contemporaneità - ma anche per il passato, per gli elementi di sempre, la recitazione e la scenografia, i testi, il pubblico e così via.

Esercitare lo sguardo critico significa acuire i propri sensi alla comprensione, sia in forma razionale che emotiva. Interpretare. E scrivere. Saperne sempre di più riuscendo nello stesso tempo a conservare il piacere dell’abbandono, facendosi coinvolgere senza timori.

Le antiche perplessità sull’attore - come far convivere il controllo razionale della voce, del gesto, e intanto far emergere dolori, passioni, le emozioni del personaggio - in fondo devono valere anche per il critico: lucidità e partecipazione mescolate nel seguire lo spettacolo, nell’affrontare la recensione.

Nell’incontro propedeutico si cercherà di raccogliere un po’ di saperi, sul teatro e la critica innanzi tutto. Ma non solo: qui si cercheranno di cogliere alcuni caratteri specifici del teatro sociale, in particolare del teatro in carcere, tra “messe in scena” e autodrammi. Riflettendo anche su come sia possibile scriverne.

Non saranno date soluzioni. Sarà un lavoro di sensibilizzazione ai linguaggi del teatro e di acquisizione di consapevolezza. I “sensi” del titolo sono sì i significati leggibili in uno spettacolo ma anche quanto mettere in gioco di sé per capire meglio.

Chi partecipa a questa attività deve sapere di avere tutti i responsabili di “Destini Incrociati” come possibili interlocutori per domande, richieste, dubbi di ogni natura.

Programma del laboratorio:



Ø  14 novembre

h. 15 – 18,  Università Roma Tre, Dams, aula A3

Sul teatro in carcere

Vito Minoia, Presidente del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere

Valeria Ottolenghi, critica teatrale, Associazione Nazionale dei Critici di teatro

Valentina Venturini, docente di Storia del Teatro, Università Roma Tre



Ø  venerdì 17 novembre

h. 10.00 – 13.00, DAMS-Università Roma Tre – aula A6

Quali prospettive per il teatro in carcere

CONVEGNO



Ø  venerdì 17 novembre

18.30 – 19.30, Moby Dick Biblioteca Hub Culturale

Teatroecarcere. Una contraddizione in termini

Franco Ruffini, accademico,storico del teatro

I partecipanti al laboratorio, dopo aver seguito i tre incontri sceglieranno di vedere due o più spettacoli presenti nel programma della rassegna (per i quali avranno ingresso gratuito, previa prenotazione entro il 9 novembre) scriveranno una recensione su un solo spettacolo o sull’insieme degli spettacoli scelti.



Le migliori recensioni (per singoli spettacoli o gruppi di spettacoli) - ciascuna della lunghezza massima di 1300/1500 battute (compresi gli spazi) da inviare tramite mail entro domenica 26 novembre a Valentina Venturini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), Vito Minoia (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), Valeria Ottolenghi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) - saranno pubblicate sulla prestigiosa rivista “I teatri delle diversità”, e i loro autori riceveranno in premio la possibilità di andare a teatro gratuitamente con doppi abbonamenti e doppi biglietti resi generosamente disponibili dal Teatro Argentina/ Teatro di Roma, direttore artistico Antonio Calbi.

Dopo una prima selezione compiuta da una giuria di critici ed esperti, e di studiosi di teatro, le recensioni ritenute migliori saranno ordinate per il loro valore (primo, secondo e terzo premio) dallo stesso Direttore Artistico del Teatro Argentina Antonio Calbi che consegnerà personalmente abbonamenti e biglietti in una delle aule del DAMS dell’Università Roma Tre in data da concordare.


Il laboratorio prevede, altresì, la possibilità di richiedere il riconoscimento di 3 cfu, da inserire nelle attività a scelta, ed è aperto sia agli studenti della Laurea Triennale DAMS sia a quelli della Laurea Magistrale DAMS – Teatro Musica Danza. Per raggiungere il numero di 6 cfu, sarà possibile frequentare, nei mesi di novembre e di dicembre, anche il laboratorio “Teatri in musica”, che prevede la possibilità di chiedere il riconoscimento di ulteriori 3 CFU (le informazioni sul laboratorio “Teatri in musica” sono indicate sul sito DAMS, sezione Prossimi eventi).


Per partecipare al laboratorio “Teatri in carcere” è necessario iscriversi entro il 5 novembre 2017. L’iscrizione potrà essere effettuata tramite mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando, nell’oggetto della mail, “iscrizione laboratorio critica teatrale”.

Eventi & News

Direttore: prof. Paolo D'Angelo
───────────────────────────────
Dipartimento di Filosofia Comunicazione e Spettacolo (Fil.Co.Spe.) - Università degli Studi Roma Tre
Via Ostiense, 234/236  - 00146 Roma - Fax +39.06.57338340 - E-mail direttore.filosofiacomunicazione@uniroma3.it